Gabriella Labate rivela tutto, la lotta contro una malattia rara, una massa enorme che si estendeva fino al cuore

Gabriella Labate, nel suo nuovo romanzo "Nudi", condivide una storia di coraggio e amore, affrontando il suo tumore e la vita familiare.

Gabriella Labate, nel suo nuovo romanzo “Nudi”, condivide una storia di coraggio e amore, affrontando il suo tumore e la vita familiare.

La lotta e la forza di Gabriella Labate

Gabriella Labate, famosa ex soubrette del Bagaglino, si apre senza filtri nel suo romanzo “Nudi”. Rivela il suo coraggio di fronteggiare un raro tumore che si estendeva fino al cuore.

“Ne avrei fatto a meno”, Labate confessa, “ma sono grata per questo dolore. Mi ricorda la mia fortuna”. Raffaele, suo marito, ha condiviso con lei ogni momento di questa battaglia. Labate ringrazia la famiglia che ha con lei, sottolineando l’importanza dell’amore e del supporto nei momenti difficili.

Il viaggio attraverso la malattia e l’amore

In “Nudi”, Labate descrive come il tumore, nonostante la sua gravità, non le abbia lasciato conseguenze gravi.

“A parte questa cicatrice enorme”, dice, riferendosi alla massa che dovevano rimuovere. La presenza costante di Raffaele al suo fianco è stata fondamentale.

“Eravamo in due a lottare”, ricorda Labate, evidenziando l’importanza del sostegno e dell’amore nel superare le sfide della vita.

Gabriella Labate: vita familiare e rapporto con Raf

Gabriella e Raf rappresentano un’unione rara, libera dagli effetti negativi del tempo e della monotonia. Sposati dal 1996, hanno condiviso 35 anni d’amore. “Lasciamo scorrere la nostra normalità”, rivela Labate in un’intervista.

Il loro rapporto, basato sul dialogo e il confronto, serve da esempio ai loro due figli, Bianca e Samuele. Labate condivide aneddoti sulla vita casalinga e sull’educazione impartita ai figli, sottolineando l’importanza della semplicità e della buona creanza.

Bianca, dopo essersi laureata, ha avviato una società di social media marketing a Miami. Samuele, conosciuto come D’Art, persegue una carriera musicale indipendentemente dai genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *