Roma, dopo 20 anni di umiliazioni trova la forza per denunciare il compagno violento “Non voglio fare la fine di Giulia”

A Tombelle di Vigonovo, un uomo di 71 anni ha aggredito la moglie in strada. Grazie all'intervento di alcuni giovani e all'azione dei carabinieri, la tragedia è stata sventata.

Dopo due decenni di abusi, una donna romena di 47 anni ha denunciato il suo compagno a Roma, portando al suo arresto per maltrattamenti in famiglia.

Denuncia coraggiosa di una vittima di abusi

Una donna romena di 47 anni ha trovato il coraggio di denunciare il suo compagno dopo 20 anni di abusi. La donna, residente nella zona di Borghesiana a Roma, ha subito violenze fisiche e umiliazioni per anni. L’uomo, un cittadino romeno di 55 anni, si è sempre professato suo amante, ma in realtà le ha reso la vita un inferno. I carabinieri di Tor Bella Monaca, intervenuti dopo la sua denuncia, hanno arrestato l’uomo, ora accusato di maltrattamenti in famiglia.

La denuncia alla caserma cambia tutto

Il 22 novembre, la sera dell’ultima aggressione, la vittima si è presentata ai carabinieri con ferite evidenti sul volto. “Sono stata picchiata e umiliata per anni”, ha dichiarato. I militari hanno immediatamente agito, raggiungendo l’appartamento della coppia e arrestando il 55enne. La vittima, portata al pronto soccorso dell’ospedale di Tor Vergata, è stata dimessa con una prognosi di 30 giorni.

Arresto e provvedimenti giudiziari

Il tribunale di Roma ha convalidato l’arresto del 55enne e ha ordinato la sua detenzione in carcere. L’uomo è stato trasferito al carcere di Regina Coeli, dove attenderà il processo. Questo caso evidenzia l’importanza del coraggio delle vittime nel denunciare i loro aguzzini e l’efficacia dell’intervento delle forze dell’ordine nella protezione delle vittime di abusi domestici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *