Alex Benfenati muore a 38 anni, era rimasto a corto di carburante, sceso dalla sua auto è stato investito da un’auto pirata

In una tragica notte, Alex Benfenati perde la vita in un incidente stradale sulla SP3 Trasversale di Pianura, nel Bolognese.

In una tragica notte, Alex Benfenati perde la vita in un incidente stradale sulla SP3 Trasversale di Pianura, nel Bolognese.

L’incidente fatale di Alex Benfenati

In una notte buia, Alex Benfenati, un uomo di 38 anni, ha subito un tragico destino. Dopo essere rimasto a corto di carburante, Alex si è avventurato fuori dalla sua auto, camminando lungo la SP3 Trasversale di Pianura.

“Si è incamminato al buio lungo la strada, probabilmente per chiedere aiuto o trovare un benzinaio”, hanno affermato gli investigatori. La sua ricerca di assistenza si è conclusa in modo catastrofico quando è stato colpito da un veicolo, guidato da un individuo che non si è fermato a soccorrerlo.

Circostanze dell’incidente

Le circostanze dell’incidente sono state ricostruite dagli investigatori. Hanno rivelato che Alex Benfenati è rimasto senza benzina intorno alle 3:30 di notte, nei pressi dell’uscita Granarolo. “Vestito di scuro e in una zona poco illuminata, non è stato visto dal conducente dell’auto che lo ha tragicamente investito”, hanno rivelato i testimoni oculari.

La morte istantanea di Alex, con il suo corpo proiettato a distanza dall’impatto, ha segnato un evento doloroso per la comunità, evidenziando i rischi della scarsa visibilità notturna e della guida imprudente.

Confessione del responsabile

Il conducente 63enne, anziché fermarsi per assistere Alex, ha deciso di fuggire dal luogo dell’incidente. “Un altro automobilista ha allertato i soccorsi, ma purtroppo per Alex era troppo tardi”, hanno confermato le forze dell’ordine.

Il responsabile ha confessato il suo atto solo dopo essere tornato a casa, travolto dai sensi di colpa. Sottoposto a test per alcol e droghe, ora è sotto inchiesta per omicidio stradale e fuga. Questa vicenda ha scosso profondamente la comunità, mettendo in luce la necessità di maggiore attenzione e responsabilità sulla strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *