Napoli, ritrovato Sergio Dinis, il 15enne scomparso giorni fa dopo essere uscito dalla palestra, ora è a casa e sta bene

Sergio Dinis, il ragazzo di 15 anni scomparso da Secondigliano, Napoli, è stato ritrovato sano e salvo dalla Polizia di Stato e riportato a casa. La sua scomparsa aveva scatenato una grande mobilitazione sui social media.

Sergio Dinis, il ragazzo di 15 anni scomparso da Secondigliano, Napoli, è stato ritrovato sano e salvo dalla Polizia di Stato e riportato a casa. La sua scomparsa aveva scatenato una grande mobilitazione sui social media.

La scomparsa e la ricerca di Sergio Dinis

Sergio Dinis, un ragazzo di 15 anni di origini ucraine, conosciuto all’anagrafe come Serhiy, è scomparso tre giorni fa nel quartiere Secondigliano, a Napoli.

Dopo essere uscito dalla palestra il 18 dicembre, di lui si erano perse le tracce, scatenando preoccupazione e ricerca. Fortunatamente, oggi è stato ritrovato dalla Polizia di Stato. Stando alle prime informazioni, Sergio sta bene e si sarebbe allontanato dopo una lite in famiglia.

La mobilitazione su social network e TV

La scomparsa di Sergio ha generato una vasta mobilitazione sia sui social network sia attraverso i media tradizionali. In particolare, la madre del ragazzo ha pubblicato un video sui social media, mostrando una foto di Sergio e lanciando un appello commovente, chiedendo a chiunque avesse informazioni di contattarla o rivolgersi alle forze dell’ordine.

Anche il programma televisivo “Chi l’ha visto?” di Rai3 ha contribuito alla ricerca, pubblicando una scheda informativa sul ragazzo, descrivendone l’aspetto fisico e l’abbigliamento al momento della scomparsa.

Ritrovamento e sollievo per la comunità

Il ritrovamento di Sergio ha portato sollievo e gioia nella comunità e tra coloro che hanno seguito la sua vicenda. La pronta risposta della Polizia di Stato e l’efficace uso dei social media e dei media tradizionali hanno giocato un ruolo cruciale nel ritrovamento del ragazzo.

Questo caso sottolinea l’importanza della collaborazione tra cittadini, autorità e media nella risoluzione di casi di persone scomparse. La storia di Sergio Dinis, fortunatamente a lieto fine, rimane un esempio di come la comunità possa unirsi in momenti di crisi per supportarsi a vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *