Il tre volte campione del mondo di F1, Verstappen cerca di noleggiare, per le vacanze, una Mercedes da 310 km/h, l’autonoleggio rifiuta: «Sei troppo giovane”

In Portogallo, Max Verstappen, campione del mondo di F1, si è visto negare il noleggio di una Mercedes AMG per via delle restrizioni di età imposte dalla compagnia di noleggio auto.

In Portogallo, Max Verstappen, campione del mondo di F1, si è visto negare il noleggio di una Mercedes AMG per via delle restrizioni di età imposte dalla compagnia di noleggio auto.

Un campione limitato dalle regole

Il tre volte campione del mondo di Formula 1, Max Verstappen, si è trovato in una situazione inaspettata durante una vacanza in Algarve, Portogallo.

Nonostante sia un pilota di fama mondiale, Verstappen, 26 anni, si è visto negare il noleggio di una Mercedes AMG GT dalla società di autonoleggio Sixt. Il motivo?

Le regole della compagnia, che impongono un limite di età minimo di 30 anni per guidare auto ad alta velocità, come la Mercedes motorizzata AMG GT. Questo episodio, rivelato dal The Sun, sottolinea come anche un campione di F1 possa trovarsi limitato dalle normative quotidiane.

La vacanza in Algarve

Verstappen, reduce dal suo terzo titolo mondiale consecutivo in F1, aveva organizzato una vacanza con la famiglia e gli amici in Algarve.

Il gruppo ha noleggiato circa 20 auto presso l’aeroporto di Faro e ha prenotato il circuito dell’Autodromo Internacional do Algarve per due giorni di corse.

Tuttavia, nonostante le sue abilità indiscusse alla guida di vetture da competizione, Verstappen si è dovuto “accontentare” di una BMW Serie 5, un’auto meno potente rispetto alla desiderata Mercedes AMG GT.

Il rispetto delle regole

La situazione ha sorpreso Verstappen e il suo gruppo, ma il pilota ha rispettato le regole imposte dalla società di autonoleggio.

Questo episodio illustra un curioso contrasto tra le straordinarie competenze di Verstappen come pilota di F1 e le normative relative al noleggio auto. Nonostante la sua esperienza e abilità nel guidare veicoli potenti, le regole della compagnia di noleggio hanno prevalso, dimostrando che anche i campioni devono adattarsi alle normative del mondo ordinario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *