Roma, incidente per Monica Leofreddi, investita da un Van, l’autista invece di soccorrerla inveisce contro di lei, “non ti ho toccata!”

Monica Leofreddi, conduttrice TV, è stata investita e insultata vicino alla Stazione Termini a Roma, suscitando shock e sostegno dai colleghi.

Monica Leofreddi, conduttrice TV, è stata investita e insultata vicino alla Stazione Termini a Roma, suscitando shock e sostegno dai colleghi.

Incidente per Monica Leofreddi

Monica Leofreddi, nota conduttrice televisiva, ha vissuto una serata traumatica. Mentre aspettava un taxi vicino alla stazione Termini di Roma, è stata investita da un van.

Il veicolo, azionando la retromarcia, l’ha colpita alle spalle, facendola cadere a faccia avanti sull’asfalto. In un momento di grande paura, Leofreddi è riuscita a rotolare verso il centro della strada per evitare ulteriori ferite.

Reazioni e mancanza di soccorso

La situazione si è aggravata quando l’autista del van, anziché soccorrerla, ha iniziato ad accusarla di fingere l’incidente.

Un altro passante ha supportato l’autista, aumentando il senso di isolamento e umiliazione per la Leofreddi.

Nonostante il tentativo di difendersi, la conduttrice si è sentita vulnerabile e incapace di reagire come avrebbe voluto, limitandosi a definire l’autista un delinquente.

Supporto morale e solitudine

Monica Leofreddi ha condiviso la sua esperienza sui social, ricevendo il sostegno di amici, colleghi e fan. Il collega Milo Infante ha esortato a trovare l’autista responsabile, mentre altri hanno espresso solidarietà e rabbia per l’accaduto.

La conduttrice ha descritto la sua frustrazione e il senso di resa provato in quel momento, sottolineando la sua solitudine e paura.

Il ritorno a casa e le reazioni dei figli

Rientrata a casa in taxi, Leofreddi ha trovato conforto nel tassista, che le ha offerto ghiaccio per le ferite. Tornata a casa, ha mostrato ai suoi figli la sua fragilità, ricevendo il loro sostegno e affetto. La conduttrice conclude il suo racconto con un interrogativo sulla coscienza dell’autista, lasciando aperte domande sulla responsabilità e sull’empatia nella società odierna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *