“Non riesco a parlare”, le ultime parole pronunciate da Laura Borina, morta in meno di 24 ore, la 26enne non aveva mai sofferto di nulla  

Laura Borina è tragicamente deceduta in ospedale a Venezia dopo un rapido deterioramento della sua salute. La sua morte inaspettata ha lasciato la famiglia e il fidanzato in uno stato di profondo dolore e con molte domande irrisolte.

Laura Borina è tragicamente deceduta in ospedale a Venezia dopo un rapido deterioramento della sua salute. La sua morte inaspettata ha lasciato la famiglia e il fidanzato in uno stato di profondo dolore e con molte domande irrisolte.

Il drammatico peggioramento di Laura Borina

Laura Borina, precedentemente in perfetta salute, ha visto il suo stato fisico deteriorarsi drammaticamente in meno di 24 ore, culminando nel suo decesso. Questo rapido declino ha lasciato la sua famiglia e il fidanzato sopraffatti da un mare di dolore e domande senza risposta. “Non riesco a parlare”, queste furono le parole di Laura al suo fidanzato, poco prima di essere portata d’urgenza all’ospedale di Venezia.

Le ultime ore e le rassicurazioni ingannevoli

La serata di lunedì a San Biagio di Callalta segnò l’inizio della tragedia. Dopo essere stata ricoverata in ospedale, Laura fu raggiunta dai genitori. Nonostante la diagnosi iniziale di forte anemia e le rassicurazioni dei medici, la situazione si aggravò rapidamente. I genitori, ignari della gravità imminente, decisero di tornare a casa, ma furono presto richiamati dall’ospedale a causa del peggioramento delle condizioni di Laura. Il sospetto di un aneurisma celebrale o di una malattia rara non diagnosticata rimangono tra le possibili cause del suo improvviso decesso.

La risposta dell’ospedale e le azioni della famiglia

Dopo la morte di Laura, l’ospedale ha rilasciato una dichiarazione, affermando che “la paziente è stata visitata, valutata e trattata rispettando le linee guida riguardo agli standard di cura”. La struttura ha anche promesso un esame autoptico per determinare le cause precise della morte. Tuttavia, la famiglia di Laura, sconvolta, ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Venezia per fare luce sull’accaduto. Questa tragica vicenda solleva interrogativi sull’efficacia del trattamento ricevuto e sulla necessità di ulteriori indagini per chiarire le circostanze di questa morte inaspettata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *