Alta tensione in casa Ferragnez: Fedez non sapeva nulla della faccenda Pandoro, vuole licenziare il manager di Chiara Ferragni

Nuove indiscrezioni emergono sul caso pandoro-Ferragni, rivelando la presunta ignoranza di Fedez riguardo ai guadagni di Chiara e tensioni familiari.

L’inaspettato scenario nel clan Ferragnez

Le recenti vicende riguardanti Chiara Ferragni e il controverso caso del pandoro griffato hanno scatenato una serie di speculazioni e indiscrezioni. Secondo Guia Soncini di Linkiesta, Fedez, marito di Chiara Ferragni, sarebbe stato all’oscuro dell’ingente somma di denaro, un milione di euro, guadagnata dalla moglie dalle vendite del pandoro.

Questo sviluppo aggiunge un ulteriore strato di complessità allo scandalo, che ha già costretto l’azienda della Ferragni a subire una pesante multa da parte dell’Antitrust per una comunicazione scorretta.

Le dinamiche familiari e le reazioni di Fedez

Il clima in casa Ferragnez appare teso. Le indiscrezioni suggeriscono che i due influencer siano in disaccordo, forse a causa delle recenti rivelazioni.

La situazione è aggravata dalla decisione di Fedez di costringere Chiara a fare una donazione spontanea di un milione di euro all’Ospedale Regina Margherita di Torino, menzionata da Chiara nel suo “video del pentimento”. La coppia, nota per la sua presenza costante sui social media, sembra aver ridotto la propria visibilità online, forse per gestire la situazione o a causa di tensioni interne.

Il futuro professionale di Chiara Ferragni

Un ulteriore sviluppo nell’affaire Ferragni coinvolge il manager di Chiara, Fabio Maria D’Amato. Le voci suggeriscono che Fedez stia considerando di allontanare D’Amato dal team di Chiara, segnando un potenziale cambiamento significativo nella gestione della sua carriera.

Se queste indiscrezioni si riveleranno vere, potrebbero indicare una svolta decisiva nelle dinamiche professionali e personali all’interno della famiglia Ferragni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *