Muore a seguito di un malore dovuto a una bolletta errata, le erano stati addebitati oltre 15mila euro di consumo d’acqua Inizio modulo

Un errore nella bolletta dell'acqua ha portato a una tragica conseguenza per Caterina Giovinazzo, 88 anni, di Camporosso, che è venuta a mancare dopo un malore causato dalla lettura di un importo sbagliato.

Un errore nella bolletta dell’acqua ha portato a una tragica conseguenza per Caterina Giovinazzo, 88 anni, di Camporosso, che è venuta a mancare dopo un malore causato dalla lettura di un importo sbagliato.

Errore in bolletta consegue in tragedia

Una situazione tragica si è verificata a Camporosso, in provincia di Imperia, dove Caterina Giovinazzo, una donna di 88 anni, è venuta a mancare a causa di un malore scatenato dalla lettura di una bolletta dell’acqua con un importo errato di 15.339 euro.

La donna è stata ricoverata in ospedale, dove è purtroppo deceduta il giorno prima di Natale.

Sconcerto e richiesta di giustizia

La famiglia di Caterina è stata scossa dall’errore della società Iren nella fatturazione dell’acqua, che ha avuto conseguenze fatali.

La bolletta, che copriva il periodo tra agosto e ottobre, era stata pagata automaticamente dalla banca dopo essere stata letta alla donna dalla nuora.

In seguito si è scoperto che il consumo reale dell’acqua nella casa dell’anziana era di pochi metri cubi, con un costo di soli 55 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *