Scomparsa senza lasciare tracce da 5 giorni, continuano le ricerche della 20enne Kimberly Bonvissuto, la madre “Siamo terrorizzati”

La scomparsa di Kimberly Bonvissuto, 20 anni, di Busto Arsizio, ha scatenato un appello disperato della madre per ritrovarla.

La scomparsa della ventenne Kimberly Bonvissuto a Busto Arsizio ha lasciato la famiglia in ansia. Nonostante intense ricerche, non ci sono ancora novità.

Scomparsa misteriosa di Kimberly Bonvissuto

A cinque giorni dalla scomparsa di Kimberly Bonvissuto, una ventenne di Busto Arsizio (Varese), la situazione rimane critica e misteriosa. Non si hanno notizie di lei da giorni, un fatto che sta tenendo la sua famiglia in uno stato di profonda ansia.

Questo caso segue quello tragico e simile di Giulia Cecchettin, una quasi coetanea di Kimberly. La madre di Kimberly, Graziana Tuccio, ha espresso il suo dolore e preoccupazione, affermando che non ci sono state novità sulla figlia da una settimana. Il telefono di Kimberly rimane spento, aggiungendo ulteriore angoscia alla situazione.

Le ricerche intensificate

Le forze dell’ordine di Busto Arsizio, sotto la guida della Procura, stanno conducendo intense ricerche per rintracciare Kimberly.

Si stanno esaminando le immagini delle telecamere di sicurezza, sia pubbliche sia private, della zona di via Celllini, dove Kimberly viveva con la madre. Gli inquirenti stanno cercando di stabilire se la giovane abbia incontrato qualcuno o ricevuto un passaggio. Un elicottero delle forze di polizia è stato impiegato ieri per supportare le ricerche.

Appello disperato della madre

La madre di Kimberly, in preda alla disperazione, ha rinnovato l’appello alla figlia, pregandola di far sapere come sta e di tornare a casa.

“Siamo terrorizzati”, ha detto la madre, sottolineando che Kimberly non si era mai allontanata in questo modo prima. Ha anche esortato chiunque pensi di aver visto Kimberly a contattare immediatamente il 112. La comunità e le autorità continuano la ricerca, sperando in una conclusione positiva di questa angosciosa vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *