Filippo Turetta: dall’infanzia idilliaca al carcere per l’omicidio dell’ex fidanzata

Filippo Turetta, accusato dell'omicidio di Giulia Cecchettin, è ora detenuto a Verona, in attesa dell'interrogatorio e delle indagini che proseguono.

Filippo Turetta, accusato dell’omicidio della sua ex fidanzata, Giulia Cecchettin, ha avuto un’infanzia descritta come serena dal suo parroco.

L’infanzia di Filippo Turetta

Filippo Turetta, oggi 22enne e in carcere a Verona, affronta l’accusa di omicidio volontario aggravato e sequestro di persona. La vittima è la sua ex fidanzata, Giulia Cecchettin. Il parroco di Torreglia ha parlato di lui domenica 26 novembre. “I catechisti lo ricordano come un ragazzo promettente”, ha detto il parroco. “Un ragazzino con piglio, ma era molti anni fa”.

La trasformazione di Filippo

Don Franco Marin, parroco del paese natale di Turetta, ha descritto un’infanzia tranquilla. “Filippo ha trascorso la sua infanzia qui, coccolato dalla comunità”, ha raccontato. “Tutti i ragazzi, cresciuti, devono trovare la loro strada. Così ha fatto Filippo, lasciando Torreglia”. Il parroco ha sottolineato come i catechisti parlassero bene di lui in passato.

Riflessioni sul caso

In merito al tragico evento, il parroco ha espresso pensieri profondi. “Questi giovani sono nel nostro cuore”, ha aggiunto. “Giulia in un modo, Filippo in un altro”. Ha messo in guardia contro la ricerca di un capro espiatorio. “Non siamo noi colpevoli di femminicidio”, ha detto. “Ma dobbiamo essere consapevoli del rischio di una mentalità violenta nei nostri cuori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *