Le confessioni di Andrea Giambruno a un collega “Con quel fuorionda mi hanno fatto fare una figura di m…a mondiale”

Dopo la diffusione di fuorionda compromettenti, Andrea Giambruno, ex compagno di Giorgia Meloni, si prepara a sfidare Mediaset in tribunale, rivendicando violazione della privacy e diffamazione.

Dopo la diffusione di fuorionda compromettenti, Andrea Giambruno, ex compagno di Giorgia Meloni, si prepara a sfidare Mediaset in tribunale, rivendicando violazione della privacy e diffamazione.

La sfida legale di Giambruno

Andrea Giambruno, noto giornalista, si sta preparando per una battaglia legale contro Mediaset. A seguito della trasmissione di alcuni fuorionda da parte di “Striscia la notizia”, nei quali è apparso in una luce negativa, Giambruno ha deciso di reagire.

Il settimanale “Nuovo Tv” riporta che l’ex compagno di Giorgia Meloni è intenzionato a intraprendere azioni legali per violazione della privacy e diffamazione a mezzo stampa. Questi fuorionda hanno avuto conseguenze significative per lui, incidendo non solo sulla sua carriera ma anche sulla sua vita personale.

Le ripercussioni dei fuorionda

A seguito di questi eventi, Giambruno ha perso importanti opportunità professionali, incluso il ruolo di conduttore di “Diario del giorno”. Ancora più dolorosa sembra essere stata la reazione di Giorgia Meloni, presidente del Consiglio, che lo ha rapidamente allontanato.

Un collega ha rivelato al settimanale di Cairo Editore l’impatto devastante che questi eventi hanno avuto su Giambruno, compromettendo non solo la sua reputazione ma anche le relazioni personali.

La strategia legale e il precedente della cassazione

Giambruno, consultando i propri avvocati, è convinto di avere basi solide per una causa legale. Si sta affidando a un precedente giurisprudenziale della Corte di Cassazione del 2011, che equipara i fuorionda a conversazioni private tra colleghi. Questo aspetto potrebbe essere cruciale nella sua battaglia legale, fornendo una base per contestare la legittimità della divulgazione dei suoi commenti.

Ora, si attendono ulteriori sviluppi e gli atti formali per vedere come questa controversia si evolverà in tribunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *